Ettore Farrauto e Victor Daniel alla regia di “Raccontami una favola”

Ettore Farrauto e Victor Daniel sono i registi di “Raccontami una favola”, al David nella sezione corti. conosciamoli meglio in quest’inte’vista.

Cominciamo subito con la domanda di presentazione. Chi siete…?

Ettore: Tassista, sposato con due figli.
Victor: Videomaker, single. Entrambi con la passione del cinema.

2. Tre domande da appassionati: qual è il vostro regista preferito e il film/cortometraggio che non smettereste mai di rivedere? Perché?

Ettore: Sergio Leone, “C’era una volta in America”, racchiude sentimenti basilari della vita.
Victor: Sorrentino “La grande bellezza”, per unicità delle riprese.

3. Da dove nasce l’idea per un cortometraggio? Dove trovate gli spunti per realizzare le sue vostre opere?

Una situazione che crei un’ispirazione. Lo spunto lo crea la vita quotidiana.

4. La cosa più facile e quella più difficile durante le riprese?

La cosa più facile è divertirsi e divertire il cast. La più difficile è trovare la giusta fotografia.

5. Corto è davvero più bello?

Il corto è lo strumento più veloce per arrivare al cuore della gente.

6. Qual è il suo stato d’animo quando, per necessità di lunghezza della pellicola, deve rinunciare ad una scena ben fatta?

Una profonda amarezza, ma capita spesso.

7. Nell’ambito del cinema italiano, in che misura è possibile proporre delle nuove idee e quanto invece si deve venire a patti con i produttori e i gusti del grande pubblico?

Riteniamo che il pubblico sia il vero motore del sistema ed unico referente.

8. Non può mancare una considerazione per l’oscar di Paolo Sorrentino…

Complimenti per la fotografia e per come ha raccontato alcune situazioni di vita.

9. Il David di Donatello è uno dei premi artistici nazionali più importanti. Cosa si prova ad essere inseriti tra i possibili vincitori della statuetta?

Grandissima soddisfazione comunque vada.

10. Prossimi progetti? Il sogno nel cassetto?

Viviamo di istinti. Un film girato in modo indipendente.